Idee in bici: qualche suggerimento per il 2018

By | 2018-01-04T17:19:47+00:00 04 gennaio 2018|BIKE LIFE|

Archiviato il 2017 è ora di pensare al nuovo anno stilando un elenco di idee in bici per il 2018. Qualche dritta per rendere il nuovo anno qualcosa di diverso, per aggiungere esperienze nuove a ciò che abbiamo già fatto finora.

Questo elenco in realtà è molto personale. Sono infatti partita dalla mia esperienza e ho cercato di immaginare quali potrebbero essere gli stimoli in bicicletta nel 2018. Spero possano essere di spunto anche per voi.

Provare altre discipline

La bicicletta, questo mezzo apparentemente sempre uguale a sé stesso, in realtà ha assunto nel tempo diverse forme con geometrie e caratteristiche tecniche differenti. Ci sono biciclette da passeggio, da viaggio, bici da corsa, gravel, bmx, mountain bike, etc. Solo se pensiamo al settore mountain bike andiamo dal tipo cross-country ai modelli da downhill passando per all- mountain ed enduro. E ciascuno si presta ad un uso e terreno specifici. Il 2018 potrebbe allora essere l’anno in cui provare un’esperienza diversa in sella a un tipo di bicicletta per noi insolito. Per me per esempio sarebbe una bella novità partecipare a una ciclostorica, a una gravel race oppure lanciarmi sulle piste di un bike-park. Provando a pedalare in contesti e con mezzi differenti miglioreremmo la nostra tecnica aumentando l’abilità in sella e diventando così ciclisti più completi.

Partecipare a una gara

A inizio anno è inevitabile parlare di obiettivi e quando si parla di obiettivi, l’obiettivo per eccellenza è una gara. Anche se non siete proprio fatti per l’agonismo, partecipare a una gara potrebbe darvi lo stimolo giusto a migliorare le vostre uscite in bicicletta, a seguire un percorso di preparazione che può facilmente trasformarsi anche in un percorso di crescita personale come spesso succede. E se la sola idea di partecipare a una gara vi mette ansia, considerate che non tutte le gare si svolgono in nome dell’agonismo più sfrenato. In molte manifestazioni è vero c’è una classifica finale, ma a parte i più forti che si contendono il podio e le prime posizioni, per la maggior parte dei partecipanti c’è soprattutto la soddisfazione di esserci. Penso per esempio alle granfondo che se ben organizzate sono l’occasione di partecipare a un evento e pedalare in sicurezza su percorsi studiati per l’occasione. L’occasione di vedere nuovi posti e sfruttare tutti i vantaggi dell’evento organizzato mettendo a frutto la nostra preparazione. Se invece venite da una storia di agonismo e le gare sono state il vostro pane per diversi anni (come nel mio caso) c’è sicuramente una sfida in giro che può stuzzicare ancora il vostro appetito. Nel mio caso per esempio potrebbe essere la 24h di Finale Ligure oppure la Dolomiti Superbike, oppure ancor un bel trail da concludere in più giorni in modalità bikepacking. Per esempio sono aperte le iscrizioni del Veneto Trail.

Essere parte attiva di un gruppo

Considerando il successo del mio articolo Uscire in mtb da soli può essere bello perché  viene da pensare che soprattutto i biker siano dei solitari 🙂 Magari anche voi siete tra quelli che spesso e volentieri escono da soli. Quest’anno potreste allora decidere di coltivare anche l’aspetto più prettamente sociale dell’andare in bicicletta. Cercare nuovi amici, frequentare un gruppo oppure coinvolgere qualcuno che è solo all’inizio e ha bisogno di uscire con chi è più esperto. Coinvolgere altre persone in ciò che amiamo è molto stimolante, così come condividere delle uscite in compagnia. Senza rinunciare alle uscite in solitaria che tanto ci piacciono, uscire con altri biker è anche il modo migliore per imparare cose nuove, perché ognuno di noi ha un bagaglio di esperienze che può condividere. Se parliamo poi di ciclismo su strada le uscite in compagnia sono fondamentali per mantenere un buon ritmo e imparare le dinamiche del gruppo.

Fare il giro più lungo di sempre

Tra gli obiettivi del 2018 potremmo inserire una sfida personale, cioè fare il giro più lungo della nostra carriera. Per quanto mi riguarda dovrei fare più di 125 km in mountain bike e circa 150 km in bici da corsa. In termini di distanza questi sono i miei attuali record. E se considerassimo il dislivello? Avendo già fatto la Hero (QUI il racconto) avrei seri problemi a cercare di battere il mio record di 4.500 m. di dislivello in un solo giro. E che ne dite dell’ Everesting? Questa sfida prevede che un ciclista, dopo aver scelto il proprio segmento, lo percorra in modo che possa raggiungere gli 8.848 m. di dislivello (l’altezza del monte Everest, da qui il nome della sfida). In una sola volta, sulla stessa strada. A questo proposito esiste anche l’ Everesting Calculator per trovare quante volte dovreste percorrere un determinato segmento Strava per completare la sfida.

Partecipare a un bike tour guidato e vedere posti nuovi

Grazie all’attuale tecnologia chiunque abbia un po’ di dimestichezza con dispositivi e applicazioni gps può facilmente pedalare in luoghi mai visti prima e solcare nuovi sentieri.  Ai più potrebbe sembrare dunque superfluo servirsi di una guida in carne e ossa. In realtà il fatto di affidarsi a qualcuno esperto del territorio ha molteplici vantaggi tra cui quello di far conoscere in modo più approfondito i vari aspetti di quel territorio. Per esempio durante il nostro recente weekend in Val Pellice presso l’Agriturismo Turina (QUI il racconto) abbiamo non solo pedalato ma conosciuto anche il tessuto storico e soprattutto gastronomico di quella zona grazie alla nostra guida Davide che ci ha accompagnati durante l’escursione in mtb con sosta al Rifugio Barfé. Grazie alla sua presenza abbiamo conosciuto persone del posto, appreso la storia della valle e perché no anche della Bagna Cauda 😉 La nostra esperienza bike è stata così più ricca.  Se siete interessati ad un tour guidato vi segnalo Bikenbike il primo Social MarketPlace interamente dedicato al cicloturismo, che connette chi cerca un’esperienza in bici con chi la organizza.

 

Queste sono solo alcune delle possibili idee in bici per questo nuovo anno appena iniziato. Se avete qualche idea da proporre, scrivetela pure nei commenti. Potrà essere di spunto per chi legge dopo di voi e anche per me!

Link Utili

Calendario Granfondo MTB 2018

Calendario Granfondo Ciclismo 2018

Calendario Eventi Bikepacking Italia 2018

 

  • 79
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    79
    Shares

2 Commenti

  1. Giorgio 5 gennaio 2018 al 8:35 - Rispondi

    A me piacerebbe un viaggio di più giorni come il cammino di Santiago. È una cosa che non ho mai fatto

    • paolabgood 5 gennaio 2018 al 9:28 - Rispondi

      Sì è da fare almeno una volta nella vita. Per vivere la vera essenza della bicicletta, cioè uno strumento di viaggio.

Scrivi un commento