Ho sempre amato pedalare, un amore innato che ho scoperto negli anni e da semplice piacere è diventato piano piano una passione vera e propria.

Una passione che non ho mai soffocato, ma al contrario ho assecondato anche da mamma seppur tra mille sacrifici. Tra famiglia e lavoro quando i figli erano piccoli non è stato facile trovare il tempo da dedicare anche alla bicicletta. Ho dovuto fare delle scelte ed essere super organizzata. Ma soprattutto ho dovuto capire qual era il limite oltre il quale non andare, capire quando era troppo, quando era meglio fermarsi.

Per tanti motivi un argomento, quello delle mamme che fanno sport, che ho sempre avuto a cuore e che ispirò uno dei primi articoli di questo blog:

Mamma e sport: 5 consigli per farcela

Ora provo a raccontarvi ancora una volta la mia esperienza di donna e mamma che pedala e che dalla bicicletta ha imparato diverse cose!

Pedalando ho imparato a…

Prima di tutto a essere efficiente, organizzata e responsabile, a non lasciare niente al caso. Tutto perfettamente calcolato, ma senza escludere una certa dose di flessibilità, sempre pronta a rimodulare il tempo. Perché avere dei figli significa anche essere pronti all’ imprevedibile e soprattutto avere la capacità di ripensare ogni programma secondo la necessità del momento.

Ad amare me stessa e a mettere da parte i sensi di colpa. Ho capito che dedicare del tempo a ciò che mi piace non è un togliere agli altri, bensì un dare agli altri, è il requisito fondamentale perché io abbia più energia da spendere con gli altri. Un giro in mountain bike nei boschi, piuttosto che sulle salite di montagna mi regala sempre un senso di appagamento che si ripercuote positivamente sulla mia vita di tutti i giorni. Andare in bicicletta costituisce così una sana valvola di sfogo per smaltire lo stress quotidiano. Figli e marito ringraziano 😊

A dare un senso alle cose. “Quelli che vanno in bicicletta sanno che nella vita niente è mai piatto” così recita una citazione dello scrittore francese René Fallet. Raggiungere una meta, fare fatica, la salita, gli ostacoli e le difficoltà che si incontrano lungo il cammino, il viaggio stesso: tutte cose che incontriamo in bicicletta come nella vita di tutti i giorni. Il concetto stesso di pedalare e il fatto che “andare in bicicletta è questione di equilibrio” esprimono metaforicamente la vita. E allora posso dire che andare in bicicletta mi ha insegnato anche a vivere, a dare un significato a quello che mi succede intorno, a superare meglio le difficoltà e gli imprevisti. La bicicletta in poche parole come filosofia di vita.

Pedalando ho imparato ad essere resiliente. In bicicletta mi è capitato di affrontare il caldo, il freddo, la pioggia, guasti meccanici e difficoltà di ogni genere. Mi sono allenata ad affrontare situazioni critiche e a trovare la soluzione sempre. Ma soprattutto mi sono trovata spesso a tu per tu coi miei limiti e, averli in qualche caso superati, mi ha fatto sentire più forte.

Ad essere più resistente anche nel fisico. Pedalare in mezzo alla natura o conquistare una salita importante non è solo uno stimolo per la mente. Un’ attività fisica costante, è risaputo, contribuisce anche al benessere fisico. Andare in bicicletta in particolare ha aumentato la mia resistenza, cioè la capacità di sostenere un determinato sforzo fisico il più a lungo possibile sopportando i sintomi della fatica. La stessa capacità che serve nella vita di tutti i giorni per far fronte ai vari impegni. Ma non solo. Pedalare tonifica i muscoli e aiuta a controllare il peso corporeo, migliora l’ossigenazione dei tessuti soprattutto se si pratica in mezzo alla natura o in montagna. Andare in bicicletta inoltre espone alla luce solare così importante per la produzione di vitamina D, essenziale per la salute delle nostre ossa e non solo.

Pedalando ho infine imparato a non arrendermi, mai smettere di pedalare che altrimenti si cade. E poi andando avanti c’è sempre qualcosa da imparare, nuovi orizzonti e opportunità da cogliere.

Queste sono alcune delle cose che come donna la bicicletta mi ha insegnato. Se invece volete sapere davvero cos’è per me andare in bicicletta, allora dovete leggere:

Andare in bicicletta per me è…