Home DONNE IN BICI Mamma e sport: 5 consigli per farcela

Mamma e sport: 5 consigli per farcela

di Paola Brazioli

5 consigli per farcela nonostante tutti gli impegni, nonostante l’essere mamme. Lo confesso sono una “dipendente da sport” che ama fortemente le proprie figlie e la propria famiglia. Non è sempre stato facile conciliare queste passioni, trovare un equilibrio. Se poi aggiungiamo un lavoro a tempo pieno! A volte è stato difficile davvero, ma è proprio in questa difficoltà che ho trovato spesso lo stimolo a non arrendermi, a non rinunciare. Che ci crediate o no mi sono anche spesso divertita.

Mamma e sport si può! Ecco 5 consigli per farcela frutto di 20 anni di esperienza. 5 brevi consigli per continuare a coltivare la propria passione anche da mamme. In fondo bastano pochi accorgimenti soprattutto mentali.

1. Via i sensi di colpa

Una mamma serena non sta bene solo con se stessa, ma anche coi figli. Dedicare un po’ di tempo a se stesse coltivando le proprie passioni è un requisito fondamentale per mantenere la serenità necessaria ad affrontare le difficoltà quotidiane. E’ un dovere verso noi stesse ma soprattutto verso gli altri, famiglia in particolare. Nel caso dello sport è risaputo inoltre che un’attività fisica costante contribuisce non solo al benessere psicologico ma anche fisico dell’organismo migliorando qualità come la forza e la resistenza, tanto importanti anche nella normale routine quotidiana.

Per prima cosa via i sensi di colpa dunque. Non è importante esserci sempre e comunque, ma esserci quanto più possibile col sorriso e in forma.

2. Cercare il supporto e la complicità della famiglia

Senza qualcuno che ci sostiene, farcela diventa più difficile. Per questo è importantissimo coinvolgere famigliari ed amici. Non solo per l’aiuto concreto che possono dare nella gestione dei figli -sappiamo per esempio quanto sia spesso importante in questo caso l’aiuto dei nonni – ma anche per il supporto psicologico e motivazionale che solo chi è vicino a noi ci può dare.

3. Uscire dalla propria zona di comfort

Non nascondiamoci dietro a un dito! Riuscire a fare sport tra impegni di lavoro, famiglia e casa da gestire non è per niente facile e i sacrifici sono da mettere in conto. Alzarsi molto presto al mattino e anticipare l’inizio degli impegni quotidiani  è spesso l’unica soluzione. Quando tutti dormono è più facile dedicare un’ora a se stessi. Anche se uscire a correre per esempio in inverno alle 6 di mattina quando fuori è ancora buio è indubbiamente faticoso. Alzarsi presto al mattino o al contrario sfruttare le ore serali significa uscire dalla propria zona di comfort, per usare uno slogan tanto in voga ultimamente. Negli anni in cui facevo triathlon per esempio mi allenavo in piscina dalle 22 alle 23.30: per niente confortevole!

4. Gestire meglio il tempo

Quando ci nascondiamo dietro al fatto che non facciamo una cosa perché “non abbiamo tempo”, siamo sicuri che non dobbiamo piuttosto gestire meglio il nostro tempo? Abbiamo provato a riorganizzare i nostri impegni quotidiani? Le cose che dobbiamo fare sono come mattoncini di legno: solo incastrandole correttamente  possono occupare in modo ottimale il tempo a nostra disposizione. Gestire meglio il tempo spesso richiede un cambiamento di abitudini. Rivedere le proprie abitudini non è facile, ma necessario, se davvero vogliamo qualcosa (interessante a questo proposito il metodo Tiny Habits di BJ Fogg).

5. Pianificazione e flessibilità

Senza pianificazione non ci sono risultati. Nello sport come in altri ambiti è fondamentale porsi degli obiettivi e “mappare” i passi necessari ad ottenere i risultati desiderati. Che sia una gara o un traguardo personale, porsi un obiettivo è spesso il vero stimolo a non mollare e a superare le difficoltà. Ma avere dei figli significa anche essere pronti all’imprevedibile. Una certa dose di imprevedibilità c’è per chiunque, impossibile avere sempre tutto sotto controllo. Da genitori però le incognite aumentano per forza di cose. E’ importante allora di fronte all’imprevisto avere la capacità mentale di cambiare i propri programmi, la prontezza di rivedere ciò che si pensava ormai certo. Ecco che allora la flessibiltà diventa parte dei nostri progetti. Personalmente adotto sempre questo schema: mi pongo un obiettivo, per esempio una gara, individuo i passi fondamentali per raggiungerlo, cioè degli obiettivi intermedi, fisso delle scadenze nel tempo per ogni obiettivo intermedio. Come rispettare queste scadenze invece è lasciato un po’ al caso, in quanto spesso decido giorno per giorno in base agli impegni familiari e di lavoro.

6. …

Il sesto consiglio lo lascio a voi. Sarebbe molto bello che l’elenco proseguisse col vostro contributo!

Potrebbe interessarti anche

7 commenti

Martina 12 Maggio 2016 - 18:09

Ciao Paola, articolo molto interessante e di aiuto!!! Cercherò di mettere in pratica tutti i tuoi consigli!!
Complimenti anche per il blog ma soprattutto per la passione che ci metti e trasmetti:-)

Rispondi
Paola 12 Maggio 2016 - 22:48

Grazie Martina! Se trasmetto passione allora sono sulla strada giusta😊

Rispondi
Sara_77 12 Maggio 2016 - 19:12

Un consiglio potrebbe essere fare sport quando i propri figli fanno sport, per esempio nuotare anche noi mentre loro hanno il corso di nuoto

Rispondi
Paola 12 Maggio 2016 - 22:56

Anche a me è capitato, è un tipico esempio di come gestire bene il tempo e i figli soprattutto in tenera età apprezzano

Rispondi
Francy 13 Maggio 2016 - 14:50

Ottimi consigli! La gestione del tempo è importantissima per chi di tempo ne ha poco. Lo sport ci aiuta ad affrontare meglio le nostre giornate in famiglia peccato però che farsi un bel giro in bici richiede davvero tanto tempo

Rispondi
Alice Turchetti 30 Gennaio 2018 - 22:42

Il mio obiettivo è tornare a fare sport come facevo 3 anni fa…3-4 giorni a settimana in piscina…facendo quello che amavo e amo di più acqua fitness…con orari e giorni stabiliti però è una figlia di 17 mesi che ha bisogno della mamma la sera…sarebbe bello tornare in piscina…spero di riuscirci vivamente!![

Rispondi
paolabgood 31 Gennaio 2018 - 17:07

Sicuramente ci riuscirai e anche se ora non riesci a frequentare la piscina cerca qualche attività alternativa, magari da fare con la tua bimba. A questo proposito ti consiglio il blog http://www.karenpsport.it/ Potresti trovare qualche spunto interessante!

Rispondi

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo, accetti la conservazione e la gestione dei dati da parte di questo sito web.

Questo sito utilizza cookie tecnici ed analitici, anche di terze parti, necessari al funzionamento del sito ed al miglioramento dell’esperienza di navigazione dell’utente. Continuando la navigazione sul Sito l’Utente acconsente all’uso dei cookie. Accetto leggi di più