Home IN BICI Monte Cornizzolo: una salita splendida quanto dura, per veri scalatori

Monte Cornizzolo: una salita splendida quanto dura, per veri scalatori

di Paola Brazioli
salita Monte Cornizzolo

La salita del monte Cornizzolo è tra le più impegnative del triangolo lariano. E’ di quelle che richiedono una buona gamba e rapporti abbastanza agili per superare pendenze che toccano anche il 20%. 

Il Monte Cornizzolo (1.240 m.) si trova al margine sud-orientale del triangolo lariano e unisce le due province di Como e Lecco. A piedi si può raggiungere la sua cima tramite una fitta rete di sentieri che salgono da più versanti (Canzo, Eupilio, Longone al Segrino, Pusiano, Civate, Suello e Valmadrera). Questi sentieri sono per lo più “non pedalabili”, dunque noi ciclisti possiamo raggiungere la cima tramite la lunga e impegnativa salita su strada asfaltata che parte da Eupilio (CO) e arriva nei pressi del Rifugio S.E.C. Marisa Consiglieri (1.109 m.).

Si può ben dire che sia una delle salite più dure di tutto il triangolo lariano, a mio parere seconda solo alla salita che da Valbrona conduce al Rifugio SEV sotto i Corni di Canzo, di cui ho gia parlato QUI.

La salita al Cornizzolo vera e propria parte dal Lago del Segrino, è lunga 8,7 km, presenta un dislivello di 743 m. e una pendenza media del 9%.

L’ascesa non è regolare. I primi chilometri da località Carella a località Campora si fanno subito sentire con pendenze anche del 15% con punte del 20%. In questo primo tratto di circa due chilometri, o si rompe il fiato o si torna a casa! In località Campora c’è il primo punto ristoro, la Trattoria Brianzola, raggiungibile anche in auto. Qui possiamo inoltre riempire la borraccia.

Proseguendo, all’aumentare di quota la vista sulla Brianza diventa sempre più ampia e dopo circa un chilometro si raggiunge l’Alpe Carella, dove si trova un altro punto ristoro: la Trattoria Alpe Carella. Che rappresenta anche il capolinea per le auto (di solito poche in realtà).

Superata l’alpe, dopo un primo tratto nel bosco sempre impegnativo, la vista si apre e la salita diventa sempre più panoramica. Procedendo lo sguardo comprende la Brianza, i laghi Briantei, Milano in lontananza e alla fine si può scorgere anche il lago di Lecco e i monti lecchesi col Monte Resegone inconfondibile.  A un certo punto, quando manca poco più di un chilometro, le pendenze si attenuano prima degli ultimi 300 m.: l’ultima fatica prima dello scollinamento.

Ci troviamo infine sul piccolo altopiano con bellissima vista sui monti circostanti, e il Rifugio S.E.C. Marisa Consiglieri sulla destra.

Una salita da veri scalatori

La salita del Monte Cornizzolo è tutta su asfalto e per questo motivo si può fare anche in bici da corsa. Fino a località Campora è aperta al traffico (quasi inesistente), successivamente è frequentata solo da escursionisti e dalle navette che portano in cima i deltaplanisti.

E’ una salita che faccio spesso in primavera ed estate. Una salita da veri scalatori! Di quelle che quando arrivi in cima ti viene spontaneo alzare la bici in segno di trionfo. Bellissima anche nelle giornate di sole in inverno, se si ha l’accortezza di portarsi un buon cambio per la discesa.

A me piace particolarmente perché non c’è traffico ed è immersa nella natura. Così tranquilla che se avete la fortuna di percorrerla in settimana potreste arrivare in cima senza incontrare anima viva… o quasi!

Caratteristiche della salita

Distanza totale: 8752 m
Altitudine massima: 1107 m
Totale salita: 743 m
Scarica

(Traccia acquisita con Strava)


Foto gallery



La salita del Monte Cornizzolo resta tra le miei preferite. Spesso la raggiungo partendo da casa mia, che si trova a circa 20 chilometri da Eupilio. Se vi capita di farla, fatemi sapere come l’avete trovata e se vi è piaciuta!

Potrebbe interessarti anche

1 commento

Giuseppe Corno 11 Maggio 2020 - 17:46

Complimenti per l’articolo meticoloso e molto dettagliato.. Behh credo che potrebbe essere anche alla.. mia portata.. Ma leggevo che la salita totale è di 743m?Oppure c’è un errore? Buona serata Paola 😍💚🌹

Rispondi

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo, accetti la conservazione e la gestione dei dati da parte di questo sito web.

Questo sito utilizza cookie tecnici ed analitici, anche di terze parti, necessari al funzionamento del sito ed al miglioramento dell’esperienza di navigazione dell’utente. Continuando la navigazione sul Sito l’Utente acconsente all’uso dei cookie. Accetto leggi di più